Feeds:
Articoli
Commenti

sono come sono

Ci sono persone che mi considerano una pazza impulsiva: con loro ho fatto le cose più bizzarre, con loro non mi sono mai tirata indietro davanti a nessuna follia, con loro ho riso a crepapelle.

Ci sono persone che mi considerano una persona estremamente posata e riflessiva: con loro ho discusso di questioni serie, con loro ho pianto, con loro ho condiviso momenti difficili e importanti.

A volte ho paura di non sapere chi sono, a volte ho paura di rientrare troppo in uno schema piuttosto che un altro.

Poi, capitano giornate come oggi, giornate in cui incontro due vecchi amici che conoscono e apprezzano entrambe le mie forme e mi diventa chiaro che posso essere entrambe le cose senza averne timore.

Abbiate il coraggio di ammetterlo!
Dopo questi 3/4 mesi di post totalmente personali, un po’ cominciavano a mancarvi i post a tematica blackberriana.

No? Veramente? Pazienza, sentitevi liberi di passare oltre ma sappiate che l’app WordPress per bb ha subito un aggiornamento niente male.

L’applicazione, scaricabile da bb app world, é ora arrivata alla versione 1.2.1 che rinnova la grafica interna e aggiunge la funzione “statistiche”.
Chi possiede un bb ed un blog su piattaforma wordpress (sia con dominio proprio che su wordpress.com) NON puó esimersi dall’avere questa app.

Cosa ci offre questa applicazione?

PUBBLICAZIONE:
Possibilità di inserire nuovi post, modificare post giá esistenti, inserire post privati (e quindi non visibili da tutti), salvare bozze di post, inserire link e immagini, taggare e categorizzare.

COMMENTI:
Visualizzazione commenti, inserimento nuovi commenti, moderazione degli stessi.

GESTIONE:
Organizzazione e utilizzo di più blog insieme con un’unica applicazione, creazione e modifica di pagine del blog, visualizzazione delle statistiche.

Assolutamente da provare!!!

Ah, ovviamente questo post è stato scritto dal bb usando l’app di WordPress.

Anni e anni fa, ai tempi del liceo, durante una delle tante ore di cazzeggio, una mia compagna mi chiese, con linguaggio gggiovane “perché ti sei messa con tizio?” e io candidamente “perché mi fa una panna cotta buonissima”.
Ingenuità liceale?
No, non credo, anzi, mai risposta fu piú azzeccata.
Non ci si innamora di una persona (o non si frequenta un amico) per quello che fa o quello che dice ma per come ci fa sentire e io con quella panna cotta mi sentivo felice.

Poi vabbé era un gran cagacazzo e la panna cotta non era sufficiente a darmi la forza di sopportarlo ma tant’é.

grazie

Grazie per tutto quello che hai fatto ieri, grazie per il modo in cui mi sei stato vicino, grazie per il modo in cui mi hai fatto capire che non sono sola, grazie per il modo in cui mi hai fatta sentire amata.

Poteva essere una giornata passata a rimuginare e a rattristarsi avvolta in pensieri tristi ma tu l’hai trasformata in una giornata splendida e non smetterò mai di ringraziarti per questo.

E chissà, magari un giorno, riuscirò a restituirti il favore rimanendo sveglia per più di metà film.

equilafra




equilafra 087

Inserito originariamente da Valle!

ci siam divertiti, abbiam bevuto, abbiam ballato.

tutto merito di francesca che ha trasformato un compleanno in una festa per tutti http://equilafra.net

io c’ho messo del mio ad animare il tutto, ballando a piedi nudi sui divanetti con i miei tre coca e rhum

Che con il mio trasferimento a como avrei perso di vista qualcuno l’avevo messo in conto.

Che la distanza avrebbe rafforzato le amicizie sincere e allontanato i conoscenti l’avevo messo in conto.

Che alcuni alberi sarebbero stati potati e altri annaffiati l’avevo messo in conto.

ma che, dopo solo un mese di assenza avrei avuto reazioni così, ecco….no, non l’avevo messo in conto.

Avevo organizzato un pranzo con gli amici oggi, avrei cucinato io, sarebbe stata un’ottima occasione per vedersi, per vedere come mi sono sistemata, una giornata da passare insieme dopo un po’ di tempo che non ci si vedeva.

Ieri sera alle 20.10 ho scoperto che oggi non verrà nessuno.

Sono delusa e amareggiata. Non me la prendo con chi deve lavorare o ha impegni importanti ma con chi non si è neanche degnato di rispondere alla mie mail, ai miei sms, alle mie chiamate di invito.

Ci sono momenti in cui mi sento sola e non perchè qui non abbia trovato persone stupende ma perchè a volte avrei voglia di condividere con le persone che amo le cose belle e brutte che mi accadono.

“Signorina lei non ha timbrato il biglietto”
“ma sta scherzando?ho timbrato poco prima di salire”
“guardi, qui c’è scritto 26 e oggi è 28”
“no guardi qui c’é proprio scritto 28”
“signorina é evidente che ha corretto 26 con 28, le devo fare la multa”
“ho capito che é mattino presto per entrambi ma adesso mi può fare la cortesia di svegliarsi e leggere quello che c’é scritto su questo cazzo di biglietto”
“ehm un il del..ecco…si, ha ragione è un 28, mi scusi, questi numeri si assomigliano tutti”
“no perché, sa, il 26 manco sono andata a lavoro…quindi ero “un attimo” sicura di quello che dicevo”

Sí, ho dormito 4 ore stanotte, non è il caso di rompermi le palle.