Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘viaggi’ Category

C’era il pranzo, c’erano i cugini di secondo grado che non vedevo da un po’, c’erano gli zii che mi stanno sul cazzo e quelli che avrei voluto come genitori, c’erano le tavolate, c’era l’alcool, c’erano perfino le bomboniere.
E come ogni matrimonio che si rispetti c’era chi l’ha trovato fantastico e chi noiosetto.
Io mi sono divertita, mi sono stancata, ho mangiato piuttosto bene (anche se, da fogna che sono, avrei voluto mangiare di più) e avevo capito sin dall’inizio che sarebbe stato tutto tranne che un barcamp.

Read Full Post »

Sette anni fa mi trasferivo da torino a milano per un corso di specializzazione di un anno.
Alcuni amici la presero bene e furon felici per me, altri mi accusarono di voler inutilmente scappare da torino e mi tolsero il saluto.
Tornavo a casa tutti i week end, eppure persi il 70% di quelli che consideravo i miei amici.
Quell’anno capí la differenza tra AMICO e CONOSCENTE.

La settimana scorsa ho compiuto lo stesso viaggio, un secondo tentativo di trasferimento in lombardia, con il pensiero, stavolta, che difficilmente torneró.
Ho organizzato una serata con colleghi e amici, per festeggiare con una bevuta l’ultimo giorno a torino.
Molti non sono venuti, non hanno chiamato, non hanno avvisato…credo sia iniziato nuovamente il periodo di potatura dei rami secchi.

Read Full Post »

Mi manca il tempo per me stessa.
Mi manca stirare guardando un telefilm in lingua originale.
Mi manca caricare la lavatrice e sentire la casa invasa dal profumo dell’ammorbidente.
Mi manca fare una passeggiata tra i negozi del centro sapendo già che non compreró nulla.
Mi manca stare svaccata sul divano fino a tardi a leggere/scrivere di applicazioni per il blackberry.

Ho la sensazione che le mie giornate siano scandite da un treno di andata e un treno di ritorno…e null’altro.

E mi manda avanti il pensiero che ieri ho passato una serata fantastica, quasi liberatoria.
E mi manda avanti il pensiero che la prossima settimana sono in ferie.

Read Full Post »

Va bene che ho passato gli ultimi 45 minuti al telefono con un’amica a raccontare i miei fatti piú intimi e personali delle ultime settimane (sì, non conosco il concetto di privacy).
Va bene che ti é capitato di stare seduto vicino a me sul treno e inevitabilmente hai ascoltato tutto.
Va bene che il viaggio é noioso e due chiacchiere fanno piacere.
MA
Un approccio un po’ piú fantasioso sarebbe stato gradito.

“di dove sei te?”
“Torino, perché?”
“No cosí, per sapere. E fai spesso torino milano?”
“Mi capita” (segue apertura di un libro e finta lettura)

Sì sono una merda
Sì odio gli approcci poco fantasiosi
Sì oggi non ho voglia di parlare con uno sconosciuto di 45 anni con lo stivale pitonato e la tracolla con le borchie.

Read Full Post »