Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for aprile 2010

Sette anni fa mi trasferivo da torino a milano per un corso di specializzazione di un anno.
Alcuni amici la presero bene e furon felici per me, altri mi accusarono di voler inutilmente scappare da torino e mi tolsero il saluto.
Tornavo a casa tutti i week end, eppure persi il 70% di quelli che consideravo i miei amici.
Quell’anno capí la differenza tra AMICO e CONOSCENTE.

La settimana scorsa ho compiuto lo stesso viaggio, un secondo tentativo di trasferimento in lombardia, con il pensiero, stavolta, che difficilmente torneró.
Ho organizzato una serata con colleghi e amici, per festeggiare con una bevuta l’ultimo giorno a torino.
Molti non sono venuti, non hanno chiamato, non hanno avvisato…credo sia iniziato nuovamente il periodo di potatura dei rami secchi.

Annunci

Read Full Post »

La sveglia alle 6 é drammatica.
Il rientro a casa alle 21.30, pure.
Mi sto truccando e pettinando tutti i giorni…ma, la voglia, durerà ancora poco.
Ambiente di lavoro carino e simpatico ma per ora non mi sbilancio (della serie “il ragazzo è intelligente, vediamo se si applica”).
Le ferrovie nord mi hanno già regalato un deragliamento con relativa soppressione del treno per tornare a casa…evvai!
Ieri ero così assonnata che ho fatto un sonnellino dalle 16 alle 18.
Sabato è festa e non lavoro…ne sto gioiendo già adesso.
Ho voglia di andare al cinema.

P.s. Sono le sette e sono in treno, non ci penso minimamente a rileggere il post…se ci sono errori/refusi considerateli un vezzo poetico.

Read Full Post »

Che nell’ultimo anno ci siamo viste tutti i singoli giorni, a lavoro e nella vita privata.
Che nell’ultimo anno non esisteva un pranzo o una colazione senza di te.
Che nell’ultimo anno abbiamo riso e pianto insieme per tutto, ci siamo confrontate e capite.
Che nell’ultimo anno mi sei stata vicina, mi hai abbracciata o cazziata quando ne avevo bisogno.

Ricordati di fare la tinta almeno una volta al mese.
Controlla sempre di non avere pezzi di insalata in mezzo ai denti quando parli con i pazienti.
Pensami ogni volta che fumi una sigaretta nel secondo ufficio.
Butta nel cestino quelle orrende scarpe beige con la zeppa.
Vienimi a trovare, che como é una bella cittá e sono sicura che ti piacerebbe.

Sei stata importante, fondamentale, mi mancherà la nostra quotidianità perché tu sei l’unica persona che mi dispiace lasciare…

Read Full Post »

che son giorni di saluti e di traslochi

che sono un mix di emozioni incontrollabili

che c’è una fine e un inizio da gestire

e allora faccio un po’ il gioco del silenzio e sto sola con i miei pensieri

ma sto bene, molto bene

Read Full Post »

Ad un certo punto impareró che sarebbe il caso di dire quello che penso.
Ad un certo punto impareró a lottare per esprimere i miei pensieri.
Ad un certo punto impareró a dire che sto male, che mi sento ferita da una parola o da un atteggiamento.

Ad un certo punto impareró che posso anche mettere me stessa davanti agli altri senza dovermi sentire in colpa, senza pensare che sto mancando di rispetto a qualcuno, senza pensare che quella persona mi vorrá meno bene.

No, cioé, ditemi che ad un certo punto uscirò dalla mia fase geisha, no, per favore, ditemelo,..che dopo 27 anni mi sarei anche un po’ rotta le palle di questo meccanismo automatico.

Read Full Post »

Ho cominciato un trasloco in terra lombarda, dal 26 aprile cominceró a lavorare a milano, dal 26 aprile vivrò a como.
Si, cosí, tutto di fretta, tutto di cuore, tutto di “pancia”, ragionato ma non troppo perché in questo momento ne ho bisogno.
Perchè nulla accade per caso, perché voglio vivere, perché voglio sbagliare se è necessario.

Eppure un fondo di paura per quel che verrà c’è e non ne posso fare a meno.
La vita mi ha insegnato che non mi posso mai fidare, che non posso mai dare nulla per scontato, che l’inculata é dietro l’angolo e continuo a lottare contro questi pensieri…ma é difficile.

Sono un’ossimoro vivente, sempre in lotta con me stessa, a chiedermi cosa é giusto e cosa è sbagliato…eh che palle!!!

I prossimi mesi saranno difficili, nuova casa, nuovi colleghi, nuova vita ma stranamente tutto questo non mi interessa, sono innamorata e tutto questo mi da forza, mi da prospettiva futura….ho solo un tarlo, fortissimo, che batte e ribatte, ho il terrore di trovarmi nuovamente davanti ad un uomo che amo e sentirmi dire “non ti amo più”.

Sono una testa di cazzo e questo é uno dei miei classici post disconnessi e deliranti ma tantè, non avevo voglia di scrivere una recensione sulla nuova app twitter per il blackberry.

P.s. Il primo che mi dice che nella vita bisogna rischiare o che chi non risica non rosica si becca un vaffanculo a social network unificati!

Read Full Post »

Fai la cosa giusta.
Sei il mio capo ma sei stato anche un caro amico, fai la cosa giusta, é il momento!

Read Full Post »

Older Posts »